Premio Pampolio: 6a giornata di andata

Premio Pampolio: 6a giornata di andata

 

ODERZO – PAESE

Sesta giornata di andata

Si lo so, è parecchio che non ci si vede caro Pampolio, precisamente da quel di Oderzo in una partita tutta matta vinta dagli avversari con merito ma gestita molto molto molto male da direttori di gara e da un commissario decisamente non in forma…… ma bando alle ciance e dopo terapie, psicologi, veterinari, stregoni e chi ne ha più ne metta per ripigliarsi (si scherza ovviamente) rieccoci qui a riprendere da dove ci eravamo lasciati!

PAXO PT 5: Ebbene si! Nemmeno io posso essere immune dal Pampolio, un premio puro e sincero quasi quanto i mondiali di calcio in Qatar! Eh eh questo è difficile da raccontare e ve lo narro in prima persona! Primo tempo, partita tirata, gli avversari partono meglio, poi li raggiungiamo e li superiamo con grande intensità, sono lì in piedi più concentrato del ragù di mia mamma a pensare a che pizza prendere post partita che la stagione del radicchio è partita ma l’ultima volta era un po’ amaro. Avvolto tra i miei dubbi esistenziali cammino avanti e indietro nell’area tecnica e ogni tanto cerco di capire chi schierare e come sistemare la difesa, cioè faccio proprio finta di far l’allenatore serio, quando uno dei due arbitri mi si avvicina ed estrae il cartellino giallo. Rimango un attimino perplesso e l’unica motivazione che mi viene in mente è che l’arbitro sia un venditore di radicchio, che mi abbia letto nel pensiero e che mi ammonisce come consiglio a prendere la pizza giusta. Stranito facendo il gesto con la mano tipo “maaaaa perchè? ” lo guardo e con tono pacato ma infastidito chiedo gentilmente il motivo di tale provvedimento. Più perplesso e stranito di me e alquanto spaventato dalla mia possibile reazione si avvicina e a bassa voce mi dice all’orecchio (in stile Cassano quando parlava in campo con tutti per non farsi sgamare dalle telecamere) che gliel’ha detto il commissario, che non sa perché e mi rasserena che lui non mi avrebbe mai ammonito. Forse ha detto anche tocco blu e non gioco più ma forse ricordo male.  Ne deduco che arbitri e commissario stanno giocando al telefono senza fili, uno dice all’altro “che bel cappotto giallo”, l’altro dice “ il Paese gioca in nero e giallo” e l’ultimo capisce “dai al coach un giallo”…. Dopo aver ingerito un’intera pianta di camomilla per calmarmi e fatto passare qualche minuto, affronto il confuso commissario che non si capisce molto bene con il tavolo che chiameremo “malandrino” in onore di Achille Lauro e con i due minuti di esclusione degli avversari i quali entrano ed escono in completa anarchia. Nel ricordargli che un avversario è entrato un minuto prima del previsto (nel video della partita è lampante) e che per una volta me ne son accorto riesco a beccarmi uno “stai zitto torna al tuo posto” più numerose insolenze dal tavolo che mi giudica in malafede… Per carità, sono più stinco di maiale che stinco di santo, ma se proprio serve fare sti sotterfugi almeno fateli bene e non fatevi sgamare! Vabbè, mi sono dilungato, ovviamente tutto procede normalmente senza lieto fine per noi: avversari impuniti, tavolo gonfio di aver il commissario dalla loro e io che capisco di valere meno del due di picche e torno a pensare alla pizza. Ah, dimenticavo il giallo: “ ti è stato dato giallo perché alcuni giocatori si sono alzati dalla panchina per festeggiare un goal”. 5 punti sacrosanti per me, nessuna obiezione giudice!

PESCIONE 3 PT: Vi svelo l’equazione segreta: Pescione sta al Pampolio come il Brasile sta ai mondiali di calcio degli ultimi 20 anni! Ebbene si, parte sempre tra i favoriti, propone un gioco spumeggiante, o si ama o si odia e alla fine, per qualche motivo, non porta a casa la coppa! Ma passiamo al fattaccio che porta il nostro Mattia a pigliare 3 punticini freschi freschi! Secondo tempo, Oderzo cerca di sorprendere Paese in una seconda fase, il velocista Pesce intuisce le intenzioni avversarie e si precipita sul pallone impossessandone. L’avversario però non molla la presa, è lì attaccato, con una mossa degna di Bruce Lee intontisce il povero Pescione che prova a divincolarsi ma l’avversario è cintura nera di scorrettezze e con una mossa sicuramente insegnatagli da Steven Seagal gli strappa un pezzo di maglia e si rimpadronisce della palla. Meno male che interviene il direttore di gara che ha il pieno controllo della gara a sdrammatizzare il tutto chiamando il fallo a favore di Oderzo mentre il nostro Mattia mai visto così agitato prova a rinsanire l’arbitro mostrandogli il pezzo di maglia.  Come si dice in Toscana, “Becco e bastonato”! 

COMPASSI 1 PT: Giovane talento del Pampolio, riesce sempre a stupirci anche giocando pochi minuti. Entra nel finale per dare forze fresche carico come una molla, difende bene su un avversario e si posiziona in attacco speranzoso di ricevere una palla dai compagni che vedono il pivot come un oggetto misterioso. Ma il nostro compax è baciato dalla dea bendata, tiro forte di Luca che il portiere avversario riesce a respingere con una semispaccata degna di Benji (l’amico di Holly, non di Fede) e palla che arriva in mano al nostro Francy. Controlla per bene il pallone, salto a due piedi, nessuno lo ostacola, portiere a terra dopo una portentosa parata, porta semivuota, tiro e…….. niente, colpisce il portiere a terra che non sa se esultare o ringraziare. Forse un brutto colpo per lo score personale di goals, ma punto d’oro strameritato al Pampolio!

MENZIONE SPECIALE al mio caro amico Brugno, che abbandona figli e famiglia per venire a vedere i suoi ex compagni di squadra, sia da una parte che dall’altra!

Il Segretario Verbalizzante

Paolo Vendramin

#pallamanopaese

Premio Pampolio: 9a giornata di andata

Premio Pampolio: 9a giornata di andata

 

PAESE – TORRI

Nona giornata di andata

Si lo so che il Pampolio è fermo da un po’ e manca qualche partita, in breve tempo verrà aggiornato il tutto ma intanto soffermiamoci sugli ultimi giorni e sulla vittoria casalinga di una sola rete in una piacevole e assolutamente poco stressante partita combattuta contro il Quinto Vicentino. Ah no scusate stavo per fare la cronaca della partita, ma tanto il palazzetto era ancora una volta pieno (GRAZIE!!!) quindi bene o male l’han vista tutti! Passiamo alle cose serie……

“SAGGIORELLA” pt  5 : Il nuovo anno porta una consapevolezza nuova nel nostro Daniele, più maturo, meno emotivo, sempre pronto a ragionare e a dispensare calma, mai una lamentela…. Dopo aver passato le vacanze invernali nella stanza dello spirito e del tempo ad affinare la difesa insieme a Vegeta, Chuck Norris e Andromeda dei cavalieri dello zodiaco (dovevano andare anche Zambo e Luchino ma son arrivati troppo tardi ad occhio), Dani dimostra tutte le sue nuove tecniche di lotta e la capacità di difendere ogni avversario in ogni parte del campo, cosa che fa ingolosire non poco coach Paxo che lo usa come Gigi la Trottola, un pòpò di qua e un pòpò di là.  La sua trasformazione da anatroccolo nero in cigno bianco detto anche Crystal si manifesta in particolare in due episodi: siamo nel primo tempo, Dani viene buttato nella mischia per dare linfa alla difesa e centimetri in attacco (suona male ma ormai l’ho scritta). Ed è proprio in difesa, in una delle sue prime azioni di gioco, che la Saggiorella costringe l’avversario ad imbucarsi nell’angolo manco fosse una partita di biliardo, lo disturba con una delle sue nuovissime skills senza far fallo e gli scippa il pallone manco fosse un borseggiatore a Barcellona (evito di scrivere città italiane và)…. Coach Paxo è lì a pochi metri dal suo giocatore, estasiato sta per esaltarlo e dirgli tutto il bene che gli vuole per quella palla recuperata. Ma Dani ha potenziato solo la difesa, il pallone in mano scotta troppo cosi decide di tenerlo per pochi decimi di secondo e lanciarlo alla cieca verso la metà campo avversaria dove secondo lui avrebbe visto il compagno di squadra Samu la Lepre. Palla comodamente in mano ad un avversario meravigliato da tanta bontà, Paese che rimane in difesa e coach che non è riuscito nemmeno a finire di dire bravo che la Saggiorella ne ha già combinato una delle sue.

A rafforzare i 5 punti di oggi e a chiudere la pratica Pampolio ci pensa qualche minuto più tardi in un altro siparietto con il suo coach! Rigore per Paese, Paxo lo chiama al volo per un cambio visto che è il più vicino alla panchina in quel momento per far entrare Jack addetto all’esecuzione del rigore…. Sbuffata palese, cambio volante e sequela di lamentele verso il coach “son appena entrato, che cavolo mi sostituisci…. Cosa ho fatto di male…. Non posso fare neanche un errore che subito mi sostituisci Bla bla bla” mentre Paxo prova ad ignorarlo e cerca di spostarlo per vedere se facciamo goal su rigore… Goal, cambio di nuovo tra i due giocatori, faccia della Saggiorella tipo “Ah ops” e tutto che procede come sempre; con consapevolezza, calma, testa, maturità…

 

“GIGIO” pt  3: “A gennaio torno….” Questo l’ultimo messaggio (o minaccia) che ci aveva lasciato Gigio tanto tempo fa prima di intraprendere la sua avventura verso il Monte Fato insieme ad una strana compagnia formata da uno stregone, un elfo, un paio di reali ma non britannici, cinque amici non troppo alti e lui con la sua mania per l’ascia. Non sappiamo bene se sia andato a sciare o a bersi grappette in rifugio in sto Monte Fato, ma da come è tornato mi sa che il Monte era Fato Male.

Anelli a parte, Gigio porta tutta la sua esperienza e la sua proverbiale furbizia a disposizione di Coach Paxo, sollevato di averlo in panchina contro una squadra di vecchi volponi come il Quinto Vicentino. Siamo nel primo tempo, i bad boys paesani sono partiti forte ma si sono inceppati subendo la rimonta degli avversari, serve una scossa, serve uno che dia un po’ di ordine in campo, che diriga la difesa e che coordini l’attacco….. serve uno che ha superato mille battaglie, l’ultimo dei MohiNani…. Serve Gigio!

Si scalda brevemente le brevi braccia, entra a primo in difesa, dà una mini indicazione al compagno vicino…. gli avversari intanto attaccano con uno scalare verso l’ala che riceve, va per saltare….. Gigio chiude con i suoi 250 anni di esperienza sul campo…. Rigore ed esclusione per due minuti contro, neanche il tempo di chiamare una giocata in attacco che si ritrova riseduto in panchina per la gioia del coach! 15 secondi da vero veterNano, bentornato Gi!   

“LUCACCO” pt 1: Regala un finale thriller a tutti i presenti in palestra: Paese sopra di 2 reti con possesso palla, mancano circa 30 secondi alla fine della partita, gli avversari han capito che la partita è persa, Paese ha capito che la partita è vinta, gli arbitri han capito che la partita è finita, il pubblico è pronto ad applaudire la squadra e in panchina si tira un sospiro di sollievo. Insomma, tutti han capito tutto tranne lui, il Pippo Inzaghi dei poveri, bomber di razza che ignora tutti i segnali sopracitati, che non guarda il tabellone, che non ascolta le urla “FERMOOOO” e “NOOOOO” perché il goal è l’unica cosa che conta e in un baleno tira una ciofeca in porta che il portiere avversario neutralizza, azione di rimessa e avversari increduli  a -1 con 10 secondi sul cronometro. Taci che poi la palla non è arrivata a Zambo, precipitatosi a metà campo per provare ad emulare il compagno, con tutti in panchina a rischio infarto.

“ZAMBO” pt 1: Eminem Zarro Zambo si presenta in palestra con i capelli tinti biondi quasi platino ma più platano e qualche sbavatura, lavoro fatto con estrema cura e precisione dall’amico becchino che nel tempo libero beve spritz e colora capelli esattamente in quest’ordine. Di solito il pampolio non si fa infinocchiare da questi tentativi subdoli per pigliare punti (anche se un po’ funzionano eh) e in attesa di vedere Matteo il rosso con i capelli blu, Sergione con i capelli rosa e Lollo con una fidanzata dona comunque un punticino all’esplosivo biondino. Ad avvalorare tale scelta un altro bellissimo episodio di comprensione tra coach e giocatori: passivo in attacco, ci mancano due passaggi, coach che chiama il tiro di Daniele dai nove metri su punizione, la squadra come sempre ascolta il consiglio, pallone a Zambo, tiro più brutto e debole di un gintonic preparato da Lollo e si va a professare calma, gioco, testa e blablabla.

MENZIONE SPECIALE all’efficienza della dirigenza della Pallamano Paese, trasformatasi per l’occasione in un team di asciugatori del campo muniti di straccetto personale per permetterci di giocare a pallamano e non a pallanuoto.

Il Segretario Verbalizzante

Paolo Vendramin

#pallamanopaese

Premio Pampolio: 6a giornata di andata

Premio Pampolio: 6a giornata di andata

 

CELLINI PADOVA – PAESE

Sesta giornata di andata

Cosa potrebbe essere successo in una trasferta a Padova di domenica sera? Non ci resta che scoprirlo:

“JACKINO” PT 5: Il nome più gettonato della pallamano Paese è Giacomo con tre elementi di spicco nella nostra classifica Pampolio: leggenda narra che la società ha vietato le iscrizioni giovanili per i prossimi 5 anni per tutti coloro che si chiamano Giacomo. Non è cattiveria, è solo un autentico bisogno di disintossicazione da un nome che fa paura e un invito alle famiglie di pensarci bene prima di usare quel nome!

Ma passiamo alle cose serie, anzi serissime, quasi quanto l’espressione di Jackino, il nostro mancino arrivato dal basket che a Padova entra in partita nel secondo tempo. Periodo complicato per il nostro globetrotter che non riesce ad allenarsi granché ma approfitta di un confuso Pesce per venire in trasferta e giocarsi le sue carte da poker polacco (chi sa… sa).

L’episodio chiave arriva durante un attacco per Paese, azione un po’ turbolenta che finisce nelle mani del nostro giovane giocatore…. Punta il difensore, riceve a detta sua un mezzo pugno che lo tramortisce e l’arbitro, in palestra più per far “bella ma non troppa” presenza che altro, decide senza grossi motivi di chiamare fallo in attacco per Jackino…. Dal simpatico Jack Black all’inquietante Jack Nicholson ci vuole un secondo, ed ecco la trasformazione più emozionante dopo quella di Goku in Supersayan.

Jackino Cola infatti, ancora con la palla in mano, cambia espressione e perfino i capelli si agitano (ma purtroppo non diventano biondi), decide di scaraventare il pallone in aria con gesto di schifo nei confronti del direttore di gara che a modo suo lo insegue e gli fa segno dei due minuti di esclusione. Ma durante la trasformazione più toccante dopo quella di pikachu in raichu o da bisame a basame, il nostro jack si è completamente dimenticato ogni regola di gioco e, oltre a buttar via la palla in maniera scenografica, decide di tornare bellamente in difesa senza cagare minimamente le gestualità dell’arbitro che continua a fischiettare e a fare sto gesto strano delle due dita. Nemmeno un agitato pubblico che continua ad urlare “rosso” lo scalfisce, ma qui si può capire il dubbio visto che “Matte the Red” era in quel momento in campo e quindi chiunque avrebbe pensato che ce l’avessero con lui.

Taci che coach Paxo non è sprovveduto come Lollo e, richiamandolo in panchina per una finta sostituzione, riesce finalmente a far uscire Jack lo Squartatore smemorato dal campo. Tutto e bene quel che finisce bene, buona la prima per Jackino Stockton, un tiro da 3 e 2 liberi per lui al Pampolio! 

“LUCACCO” PT 3: Continua il momento d’oro per il ragazzo senza codino, che fa goal e piglia pure punti, una combo che non si vede spesso qui. Probabilmente ispirato dal silenzioso e rilassante viaggio in auto a pochi centimetri da terra con gli amici Zambo- Tune e CustomLollo, Lucacco sembra avere una marcia in più e uno scarico più grosso rispetto agli avversari. Cosi, probabilmente alimentato dal Nos (se non sapete cos’è non avete mai visto nessun Fast and Furious nella vostra vita e non so come aiutarvi) fregato dalla macchina di Zambo, eccolo scattare in una seconda fase micidiale. Il difensore padovano prova a rimanere in scia, a raggiungerlo e a stargli sotto, ma la Lucar ha troppi cavalli e lo stacca nei metri finali, quelli che servono per ricevere palla, andare verso il portiere, saltare e spaccare la porta! Peccato che il tonto biondo non sappia minimamente controllare il nuovo assetto e, calcolando malissimo le distanze e la lunghezza del salto proporzionato alla rincorsa (lo so sembra una formula matematica) finisca schiantato in malo modo addosso al palo. Scena veramente esilarante e nessuna preoccupazione per il team Pallamano Paese visto che tutti sanno che Luca ha mangiato il frutto Gom Gom, che rende il suo corpo di gomma e che lo farà diventare il re dei pirati insieme alla sua ciurma.

“COMPAX” PT 1: Se fosse un cartone animato Francesco sarebbe Ralph Spaccatutto, un tenero gigante con la faccia buona costretto a fare il “cattivo”. Peccato che nella vita reale nessuno abbia obbligato Compax a dover fare “il cattivo” e non è nemmeno molto bravo a farlo, ma lui non lo sa e a Padova, sul +13 per Paese e partita già archiviata, riesce a prendere due minuti di esclusione piuttosto buffi! Come? Francy Spaccatutto carica i muscoli e dà un bello spintone al povero malcapitato che si trova davanti…. Avversario che vola come un aereoplanino di carta e arbitro indeciso sul da farsi che chiama fallo ma incredibilmente perdona il gesto irruento. Da qui la vita ci insegna che ci sono due vie: la via sportiva della saggezza misto furbizia, dove è lecito capire che sei stato graziato e facendo finta di nulla cerchi di non farti più vedere dall’arbitro per qualche minuto in modo che si dimentichi di te…… o la via Compassi, dove in uno status di beata ignoranza 10 secondi dopo fai un’ altra uscita sull’attaccante, ottimo placcaggio e schienata a terra che Hulk Hogan (volevo scrivere Rey Mysterio con la 619 ma mi sa che nessuno sa nulla di wrestling) spostati proprio. Inevitabili questo giro i sacrosanti due minuti con Francy che, ritornato un tenero cucciolo dopo la sfuriata, china il capo e chiede scusa all’arbitro dandogli pienamente ragione e, a differenza di Jackino, corre veloce verso la panchina.

MENZIONE SPECIALE a Pescione, che nonostante la convocazione pensa bene di rimanere a casa sotto le coperte a finire la quarta stagione di “una mamma per amica”! Non si capisce granché se sia malato, se abbia il covid, se sia intrappolato in un pozzo o se sia stato rapito dagli alieni. L’unica cosa sicura è che il giorno dopo, il lunedì, si presenta regolarmente in palestra a fare allenamento. Pescione come l’uomo tigre, “misteriosa la sua identità è un segreto che nessuno sa”……

Il Segretario Verbalizzante

Paolo Vendramin

#pallamanopaese

Premio Pampolio: 5a giornata di andata

Premio Pampolio: 5a giornata di andata

 

PAESE – TORRI

Quinta giornata di andata

Dopo la performance straordinaria di Vicenza, purtroppo Paese – Torri è stata una bella partita e gli episodi di cagate pazzesche sono veramente al minimo termine… ma vediamo cos’ha scovato l’occhio del Pampolio:

“DAMIANONE” 5 PT: Raro vedere il nostro lungaccione in questa rubrica vista la sua propensione a fare poche cose e a farle bene. Ed infatti quando entra in classifica Pampolio lo fa nella maniera migliore, con 5 punti frutto di due episodi meravigliosi. Il primo, durante il secondo tempo di una partita tirata quasi quanto la maglietta di Sergione post cena di costate, lo vede sperimentare la brezza di una simulazione per la quale è in lizza per il premio Neymar 2022/23! Paese recupera palla e parte con una seconda fase confusionaria, un giocatore del Torri prova a bloccare l’azione…. La palla è in mano a Damiano, in campo il più anziano, di capelli castano, uno zio australiano, nato probabilmente a Conegliano, gli piace suonare il piano, nipote del fotografo Giuliano, sport pallamano, parente alla lontana anche del Nano, a Komodo c’è il varano! Dicevamo che la palla è in mano a Dami, che supera agevolmente l’avversario che con un braccio prova a fermarlo, troppa la forza dirompente del nostro terzino che però, un metro dopo, si ricorda di quando da piccolo si divertiva a giocare ai cowboy (ora invece è più concentrato sulle mucche), di quando faceva dei veri e propri finti duelli tra pistoleri nei quali lui faceva sempre quello che veniva colpito. Eccolo quindi capitolare in grande stile per terra, il finto proiettile l’ha centrato in pieno e come un vero stuntman rimane a terra stecchito tra le risate un po’ di tutti! Indovinate chi ha messo gli occhi su di lui per un nuovo film western? Proprio lui, il nostro regista ultrapremiato, la Saggiorella!

Nel postpartita invece, dopo un paio di spritz e di birrette decide di stemperare la tensione a cena e di salvare il soldato Ricky seduto a fianco a lui coinvolto suo malgrado da un simpatico vecchietto che si era portato il karaoke a cena e obbligava i commensali a cantare canzoni casuali. Ricky infatti, più timido di un coniglietto, si ritrova il molesto signore alle spalle che gli offre il suo microfono (Lollo non trovarci doppi sensi mi raccomando!)… Panico Ricky passa un paio di secondi più imbarazzato dell’Argentina che perde con l’Arabia Saudita e poi, Damiano, professione eroe, afferra il microfono, si alza in piedi, stecca un paio di note e si esibisce in una performance canora da brividi a squarciagola che fa abbassare la cresta pure al simpatico vecchietto.  Folla in delirio, dopo i Maneskin anche la Pallamano Paese ha il suo frontman Damiano!

“LUCACCO” 3 PT: Periodo di forma stratosferica per il nostro Luchino, che, nonostante gli abbiano tagliato il codino come a Goku, non ha perso i suoi poteri e anzi, dopo 6 anni di pallamano, ha finalmente imparato a tirare di rimbalzo, che a sorpresa sembrerebbe più efficace di tirar fortissimo sui muri della palestra! Ma tralasciamo la partita per un memorabile postpartita, che, oltre un karaoke e una tombola improvvisata da veri giovani, vede il nostro Luca dover fare una scelta, come se fosse davanti ad un Bivio (dovete leggerlo come farebbe Enrico Ruggeri, il conduttore del programma televisivo preferito dal mio amico Mitch).

Il bomber di giornata vede da una parte i suoi amici far macchinata per andare in un noto locale trevigiano a ballare dove però la serata costa ben 25 euro e dall’altra un comodo divano dove riposarsi dopo una partita che ha tolto parecchie energie….. Che fare? Per sua fortuna nei paraggi si trova il sapiente coach Paxo, perenne fonte di ispirazione che sa sempre cosa fare ed elimina tutti i dubbi esclamando “si va a far festa da Manny” e fa salire in un’improbabile macchinata capitan Breso, Bomber Lucacco (che è un Lukaku più bianchiccio) e la responsabile degli approvvigionamenti Vale Flag.

Da notare che Manny non è il nome di un locale, bensì di un fantastico tifoso che quel giorno compiva 18 o 19 anni e faceva un bel party lì vicino al quale i suoi amici più stretti nonché giocatori erano invitati e presenti ( i soliti Mc Zambo, PizzoPazzo, Lollodrink, BevochemepassaTom, i fratelli JegerSam e BombJack e con la partecipazione speciale di SorrisonePesce).

Ecco diciamo che coach Paxo non era propriamente tra gli invitati (forse era sfuggito l’invito ufficiale, ti perdono Manny tranquillo!), ma, chiesta la posizione della festa alla talpa di fiducia, ecco la scintillante auto irrompere al party! Dopo aver salutato i compagni di squadra (o quello che ne rimaneva) ecco arrivare un simpatico ragazzetto con gli occhiali che si avvicina al nostro Luca ed esclama “ciao Cacco!!!!”…. Luchino lo guarda perplesso e in tono piuttosto indifferente risponde “Ciao…. Ma chi sei?” “ehm… sono Manny” con i presenti che scoppiano in una fragorosa risata! Lucacco, il divin codino, 3 punti!

“MATTEO THE RED” 1 PT: Bella prova del nostro portierone dalle chiare origini irlandesi che decide di festeggiare dieci minuti di imbattibilità invitando alcuni amici, ma soprattutto amiche, a cena con parte della squadra (i soliti che son stanco di scrivere devono andar al festino di Manny alle 20.30 tipo che fan bollire la pasta zio pera!)

Subito adocchiate da tutta la squadra, le due fanciulle vengono catapultate in una serata trash d’altri tempi e probabilmente non le vedremo mai più, ma, abituati a uomini, animali e trattori, più di qualcuno fa il pensierino “Hai capito il Matte, questo birichino”! Nessuno, un po’ per timidezza, ma soprattutto per la reazione che potrebbe avere il nostro matteorosso (tutti sappiamo che “el pi bon dei rossi ga copà so pare” che tradotto sarebbe “il più buono dei rossi ha ucciso suo padre” per gli amici non veneti) si espone con le ragazze o interrompono la “romantica” cenetta. Nessuno tranne coach Paxo che, a fine cena, forte del suo ruolo di Mister, piazza qualche battutina e invita il gruppetto a seguirli alla famosa festa di Manny (ovviamente non aveva letto il messaggio della sua spia con scritto “puoi venire alla festa ma non portar gente”).

Rimbalzato dal buon Matteo che probabilmente aveva altri loschi piani, ci si appresta a salutarsi quando arriva la nostra addetta agli approvvigionamenti, la Vale Flag, che, armata di curiosità femminile, provoca in maniera innocua un po’ il nostro portierone chiedendo chi fossero le due ragazze e se qualcuna era magari lì per lui…. Sguardo infuocato stile charizard di Red Matt che con un perentorio “Giù le mani” smorza ogni possibile discorso e pietrifica la povera Vale Flag.  Giù le mani gente, in città c’è un nuovo sceriffo, Calamity Matt!

Menzione speciale al tavolo e ai nostri cari Oscar e Andrea che ci portano in un’atmosfera da brividi, stile una cena col delitto, in cui ancora oggi non si sa chi è il colpevole e cosa possa essere successo. Si sono adoperate le più importanti agenzie segrete del mondo per risolvere il misterioso enigma… CIA, CSI MIAMI, X-FILES, persino i GHOSTBUSTERS e SCOOBY DOO stanno analizzando ogni dettaglio per capire come il nostro Samu abbia potuto prendere due minuti di esclusione, segnato nel referto, ad inizio secondo tempo visto che non ha giocato neanche un minuto… poteri paranormali girano a Padernello, siete avvisati!

Il Segretario Verbalizzante

Paolo Vendramin

#pallamanopaese

Premio Pampolio: 9a giornata di andata

Premio Pampolio: 3a giornata di andata

VICENZA – PAESE

Terza giornata di andata

Nonostante Halloween sia già passato da un bel pò, puntata da brividi quella andata in scena nel pittoresco tendone in quel di Vicenza….

“SAGGIO” 5 PT : “Venghino Signori, Venghino, il grande circo è arrivato in città”. Vi presentiamo il Danishow, uno spettacolo creato dal quel genio della Saggiorella con la speciale partecipazione di tutta la Pallamano Paese. Ci teniamo a sottolineare che nessun animale a parte Lollo è stato maltrattato e che lo spettacolo non è adatto ai bambini, mentre i nani dovranno essere accompagnati da un adulto.

Inizio drammatico per DanDan che fa fermare il pulmino dopo appena 30 metri dal punto di partenza: “DOVE SONO LE CHIAVI DELLA MACCHINA?” è il titolo del thriller ricco di suspance, colpi di scena, corse sotto la pioggia verso una macchina chiusa, e un finale intenso che non ti aspetti… le chiavi sono in pulmino. Si prosegue in quel di Vicenza, dove a pochi minuti da inizio gara tutti indossano la maglia da gioco…. Tutti tranne uno….. Dopo l’entusiasmante nonchè campione ai botteghini  “DOVE SONO LE CHIAVI DELLA MACCHINA?”, arriva in tutte le sale e pepe il secondo capitolo della saga che sta superando successi del calibro del “Signore dei Tranelli” o di “Happy Potter”. “DOV’E’ LA MIA MAGLIETTA?”, film psicologico diretto ed interpretato dalla Saggiorella che vede protagonisti anche attori/giocatori del calibro di TOMMY Cruise e GIO’ Travolta in uno scambio di maglie da gioco senza un apparente senso nel quale solo uno rimane senza.

Infine, uscito da pochi giorni al cinema, l’ultima fatica di Saggio a chiudere probabilmente la miglior trilogia di sempre. Dopo “DOVE SONO LE CHIAVI DELLA MACCHINA?” e “DOV’E’ LA MIA MAGLIETTA?” arriva “DOV’E’ LA PORTA?”, pellicola che tratta di una storia vera di un ragazzo problematico che, nonostante i numerosi tentativi da solo davanti alla porta avversaria, non riesce mai a buttarci una palla dentro. Una volta va fuori, una volta va addosso al palo, un’altra volta va addosso il portiere, un’altra volta anche…. Finchè il nostro protagonista, senza che nessuno gli abbia detto assolutamente nulla, decide di autosostituirsi. Un film drammatico, una battaglia interiore dai risultati inaspettati, candidato all’Oscar Darsiè come miglior regia e miglior attore protagonista. Signore e Signori, Daniele Saggiorato, 5 punti e due Oscar.

“SAMU R.” 3 PT: Come diceva sempre un mio compagno di squadra, “festa ma coa testa” sembrerebbe il motto del nostro serio e concentrato samuele, uno con la testa sulle spalle!

Niente di più sbagliato. Reduce dal solito festino a casa di chissachì del sabato sera con i compagni di merende Lollodrink, Mc Zambo ma soprattutto GomitoaltoTom, dove ognuno di loro fa finta di avere un ruolo importante ( dj, barista, vocalist, beone di turno…) senza alcun particolare motivo, Samu entra in campo più scarico del cellulare di Pesce dopo la maratona di “una mamma per amica” pomeridiano per caricarlo.Fa subito un paio di cose giuste compresi due goal, tanto per far credere a quel babbeo di Coach Paxo che lui c’è ed e’ più concentrato del sugo di pomodoro in tubetto.

Dopodichè si passa in modalità Shakespeare-Fantozzi, una combo tragicomica che inizia con un furto che Lupin scansati proprio. Azione alquanto confusionaria vicentina, tiro smorzato che viene recuperato dal portiere paesano che affida la palla al centrale e organizzatore di gioco, un’ancora sicura, Samu.

Dalle sue parti si aggira il pivot avversario, che tra le sue qualità non ha certo lo scatto e la dieta, ma in quanto a furbizia non è secondo neppure al gatto e la volpe. Con estrema calma decide di non scattare in difesa e si piazza lì davanti a Samu, con le mani alte, senza far niente, più per giustificare al mister la sua scelta di non tornare in difesa che per altro. Mossa alla Psyduck, il mio pokemon preferito, che non lascia scampo a Sam, che prima guarda da una parte in cerca di un gin-lemon di pessima qualità, poi dall’altra per veder se trova uno shot di jegerbomb e, dulcis in fondo della bottiglia, non fa assolutamente nulla con la palla in mano. Non si accorge nemmeno di quel spilungone di Matteo, oggi in vacanza insieme al compagno di reparto, uscito dall’area per dar l’ultimo opportunità di appoggio. Arbitro costretto controvoglia a fischiare per interrompere quella scena raccapricciante, palla che passa all’avversario che, a porta vuota, tira, segna e torna col sorriso di chi ha trovato il biglietto d’oro per visitare la fabbrica di cioccolato.

Samu subisce talmente il colpo che poco dopo è costretto ad uscire per un taglio alla mano e del sangue che fuoriesce…. Ancora oggi ci chiediamo come abbia fatto, nessuno si è accorto, nemmeno lui…. Come cantavano gli U2, Sunday Bloody Sunday Samu!

“BRESO” 3 PT: ebbene si, è raro vedere due giocatori pigliare 3 punti nella stessa giornata, ma il nostro è un premio giusto e quando ci vuole ci vuole! Non è nuovo il nostro capitan Bresaola a punti Pampolio in trasferta in terre vicentine, dove oltre a non pararne mezza riesce sempre a sorprenderci, meglio degli ovetti kinder!

L’episodio chiave o chiavica arriva nei primi minuti, gli avversari fan fatica a trovare spazio in attacco per segnare nonostante la difesa burro e marmellata attuata dai giovani paesani. Tiro senza troppa elevazione del terzino vicentino che viene murato da un sorpreso zambo abituato più al Muretto, palla che finisce in area e lentamente inizia a rimbalzare. Un rimbalzo cosi lento che Pesce in confronto è veloce quando fa riscaldamento, ma così lento che perfino Jack è più veloce a rispondere ad un messaggio sul gruppo…. Insomma la dinamica dovrebbe vedere il nostro Bracciola uscire e prendere la palla, ma la sua pigrizia unita ad un corpo scollegato lo fanno tentennare…. (come faceva il famoso scioglilingua ”Tentate tentini tentennevano in Tento tutti e tentate tentennando che è un po’ come parlerebbe un mio ex compagno di squadra ad inizio serata, ma questa è un’altra storia). Ad approfittare di tal situazione chi può esserci? Sempre lui, il protagonista indiscusso di questa puntata… il furbo pivot del Vicenza, migliore in campo, che di tornare in difesa proprio non ne ha voglia, che vede la palla lì in mezzo all’area e decide di sfidare le leggi di gravità, dimentica che la sua dote principale non è il salto e si tuffa alla Cragnotto (Lollo e Luca cercate su google). Capitan Breso però si scuote e fa mezzo passetto in più; la scena inizia ad avere una suspance talmente alta che perfino il regista Saggiorella sta pensando ad un nuovo film. Due uomini a rallentatore contro, il pivot riesce con uno sforzo sovraumano ed urlando “ADRIANAAAA!!!” a colpire la palla, Breso invece non solo non la piglia, non ha nessun minimo riflesso, e osserva la palla che dopo una decina di rimbalzi finisce in rete. Direttamente dall’era glaciale ecco il nostro bradipo BreSId, professione portiere, ma con calma.

“ZAMBO” 1 PT: Zarro Zambo si presenta carico in quel di Vicenza: macchina tamarra blu elettrico con foro di proiettile, fidanzata felice ma non troppo a seguito e le due guardie del corpo accomodate nei sedili posteriori, “Pizzo” il Grosso e “Sivi” il Provocatore, entrambi zoppi perché gambizzati dopo un duro scontro con la band rivale del ghetto. Partenza razzo per il dj più famoso del comune, che dopo un paio di goals e un muro degno di Mila Hazuki perde la bussola insieme al team. Mentre il resto del team si scoreggia (scoraggia pardon) lui, il Risolutore, si prende tutta la palestra (capannone) sulle spalle e decide che solo lui può risolvere il match…. Il risultato è una ripartenza veloce, delle sue, da centrocampo, un paio di palleggi, stacco da 12 metri e tiro che sfiora di poco il soffitto. In un’altra epoca sarebbero stati 5 punti sacrosanti, ma oggi, con tutti questi campioni, vale solo un punticino.

“SIVI” 1 PT: Il nostro caro Matteo non potrà farci compagnia in campo quest’anno ma cerca di essere sempre presente a motivare i ragazzi, in particolare la Saggiorella e Jack Frost, durante le partite. Eccolo quindi in quel di Vicenza, a dar una parola di conforto a chi ne ha bisogno, in stile Don Matteo, il suo personaggio delle serie TV preferite. Il punto se lo prende però a fine gara, quando in una sala da film horror gentilmente concessa dal custode più buono del mondo, viene allestita la cena da asporto della Pallamano Paese. Ogni giocatore ha infatti il suo sacchettino con dentro qualche paninetto…. Sivi che è il primo ad entrare in saletta prende senza esitazione un sacchetto dei panini, fa per aprirlo quando la Vale Flag, addetta all’approvvigionamento della squadra, lo blocca dicendogli che i sacchettini sono contati e solo per i giocatori. Ferito nell’orgoglio con la sua proverbiale calma e pazienza rimette il sacchetto al suo posto e per fortuna c’era qualche panino in più, altrimenti venivano giù tutti i santi dal campanile. Non si muove la classifica marcatori per Don Matteo, ma punticino d’oro per lui al Pampolio e nuovo ruolo propostogli dalla dirigenza, il motivatore.

 

MENZIONE SPECIALE al nostro amatissimo Presidente tuttofare, che oltre a fermare il furgone in mezzo alla strada appena partiti su ordine di Saggio, appena finito il primo tempo, visibilmente deluso dalla squadra e seccato dalla poca attenzione dei giocatori, si ritrova a dover portare in spogliatoio la sacca dei palloni.  Peccato che la sacca da lui presa sia quella degli avversari e che il furto del secolo sia “sgamato” dopo pochi metri.

Il Segretario Verbalizzante

Paolo Vendramin

#pallamanopaese

Premio Pampolio: 2a giornata di andata

Premio Pampolio: 2a giornata di andata

 

PAESE – SAN FIOR

Seconda giornata di andata

Partita dalle mille emozioni che vede una serie di errori pazzeschi in contropiede o dai 6 metri pronti ad essere proclamati e narrati, ma si sa, l’occhio del Pampolio è vigile e scova sempre i più meritevoli, eccoli per Voi:

“GIO’” 5 punti: GIOvane, incompreso, affamato, pronto a spaccare il mondo, incazzato con tutti e tutto, così ti immagini un ragazzo di 17 anni nel 2022…. E invece NO, GIO è affetto da una paralisi alla faccia che lo fa ridere sempre, anche più di Lollo, come se avesse la maschera di The Mask sempre addosso. Non si sa se sia sempre felice o se qualche bella tipetta gli abbia detto che ha un bel sorriso, ma per noi matusa diventa difficile capire quando e quanto sia carico per il match!

Cosi durante la partita Coach Paxo lancia una sfera Pokemon da cui esce PikaGIO con tanto di “tocca a te” che suona come “entra e spacca tutto”….. gli occhi della tigre, il sorriso maligno del Joker, il fastidio enorme di aver visto segnare i suoi due compagni di merende Compassi e Jackino la volta prima, le premesse ci sono tutte……

GIO è pronto, guarda l’oroloGIO, entra mogGIO, adaGIO in punta di piedi, fa un cenno con la testa ai suoi compagni GiGIO, serGIO e SagGIOrato, esclama per GIOve e si posiziona all’ala sinistra, nel suo rifuGIO.

Attacco di Paese padrone del GIOco, scalata all’ala di preGIO, passagGIO a faGIOlo di Lollo, voltegGIO di GIO che salta, carica il tiro e……

E il portiere avversario, incredulo, blocca a due mani uno dei tiri più lenti mai visti nella storia dello sport, talmente piano che anche chi va sano e va lontano si è messo a correre per protesta.

Esordio col botto al pampolio, nuove leve arrivano prepotenti, 5 punti per Banana Joe.

 

“COMPASSI” 3 punti: altro giovanissimo che entra di diritto nella storia di questo premio, trofeo meritocratico quasi quanto il Pallone d’Oro, che può vincere chiunque, basta sbagliare ed essere naturali nel farlo. Già da GIOvedi (scusate ero abituato sopra con le parole che contengono GIO che son tantissime eh) dimostra di avere grandi doti, quando allenatore e i primi giocatori salgono le scale per uscire dalla palestra post allenamento e si trovano una gentile donna pronta ad aspettarci con due vassoi di pizzette…

Ovviamente il mini gruppetto accetta senza porsi grosse domande esistenziali, fa piazza pulita del primo vassoio per poi poco dopo capire che si tratta della mamma di Compassi che ci omaggia di tutto ciò per il primo goal in serie B avvenuto la settimana prima. Peccato che il buon Francesco non abbia avvisato nessuno e, senza l’incentivo pizza, il team con la consueta calma si dilunga in chiacchiere in doccia ignari del banchetto. Può bastare questa timidezza (o probabilmente non aveva capito un Kaiser neanche lui) a pigliare 3 punti?

Certo che no, è in partita che Francy dimostra, a differenza di Gio, di non essere un rammollito…. Gli occhi della tigre, il sorriso maligno del Joker, il fastidio enorme di non aver mangiato neanche una pizzetta da lui portate il giovedi…… Cosi nel secondo tempo buon attacco della Pallamano Paese, passaggio per il nostro giovane pivot che salta, carica il braccio e, sempre a differenza di Gio, buca la rete per un gran goal! Peccato che l’arbitro non è dello stesso avviso e fischia invasione in area, probabilmente inesistente, e, nonostante il punteggio sia sul +10 per la squadra e a nessuno interessi più di tanto, Compax flagello di Dio non la piglia troppo bene arando un incolpevole avversario di ritorno in difesa. Due minuti di esclusione sacrosanti, coach che prova a fargli una mezza ramanzina mentre esce dal campo e Francy che non bada nessuno e continua ad esclamare ad alta voce “non era area!” “non era area!”. Taci che non gli ha fischiato (com)“passi” sennò pensava ce l’avesse con la famiglia e faceva una strage!

“GIGIO” 1 punto: il buon Compassi si vede annullare un goal regolare per invasione dell’area…. Il veterNano Gigio invece se ne vede convalidare uno poco dopo dove riesce a saltare, atterrare in area a due piedi e poi tirare tranquillamente. E niente fa già ridere così.

“SAGGIORELLA” 1 punto: anche DanDan piglia il suo punticino. Vivendo in simbiosi con jack e condividendo il fatto di essere mancini continuano a imparare i peggiori difetti di entrambi, alla faccia di coach paxo che non sa una cippa! Cosi mentre jack piglia tutti i pali presenti in palestra perché lo ha visto fare a Saggio in allenamento e gli è piaciuto, Daniele (senza averlo visto) decide di replicare a suo modo l’episodio che ha portato 5 punti in saccoccia al pampolio nella prima giornata all’altro storto.

Azione d’attacco per Paese che conclude male in porta, arbitro che fischia per un fallo e palla quindi che rimane in attacco, ma la Saggiorella borbottando col suo demone interiore decide di tornare a passo d’uomo in difesa nonostante l’invito dei compagni in panchina a tornare indietro. Episodio che potrebbe valere più punti certo, ma, ahimè, li ha già presi il suo amico/nemico Jack la volta scorsa, e qui non amiamo il copia e incolla. Come Ned Flanders nei Simpsons, anche la Pallamano Paese ha aperto il Mancinorium, un emporio a gestione sinistra.

MENZIONE SPECIALE all’illustre presidente, che decide di seguire la partita al tavolo per poter controllare tutto. Squadre a posto, pubblico a posto, arbitri a posto, tutto perfetto. A 10 minuti dal termine piccolo inconveniente: fuori inizia a tramontare, le luci in palestra sono al minimo e si gioca con una luce opaca, da sonnellino per intenderci. Tutti si aspettano che le luci si accendano a piena potenza, e invece la partita finisce in semibuio. Scherzetto senza dolcetto del presidente che decide di sua iniziativa di non aumentare la luminosità del campo memore di un trascorso tentativo in cui ha spento tutto il palazzetto. Batmario, il presidente oscuro!

Il Segretario Verbalizzante

Paolo Vendramin

#pallamanopaese

Premio Pampolio: 1a giornata di ritorno

Premio Pampolio: 1a giornata di ritorno

 

PAESE – VENEZIA

Prima giornata di andata

A grande richiesta torna la rubrica più seguita da chi, come il sottoscritto, di pallamano probabilmente capisce poco ma ne è grande estimatore quando si tratta dell’arte delle cagate, più tecnicamente espresso in “premio Pampolio 2022/23”.

Per chi non si ricordasse come funziona…. beh amen da qualche parte trovate il regolamento ufficioso ( di ufficiale non deve esistere nulla)

“JACK”  5 punti: JACK IS BACK! Dopo un’estate passata nella stanza dello spirito e del tempo insieme a Goku e Vegeta, Giacomo si presenta ai nastri di partenza tirato più a lucido della Panda blu tamarra nuova di Zambo. Jack Frost è glaciale in partita, un cecchino degno del miglior Usopp (quest’anno cerco di far riferimenti più giovani dai…forse…) con 3 rigori su 3 realizzati, e match giocato in maniera impeccabile.

Il nostro “cyborg” è implacabile, un piccolo Terminator pronto a sbaragliare ogni avversario senza troppi sentimenti. Peccato che ogni tanto i microchip s’inceppino e mandi Gun Jack (chicca per gli appassionati di Tekken) in corto circuito e il Pampolio ringrazia.

Siamo a metà secondo tempo, aria tesa in campo quasi quanto una scoreggia di Sergione, Paese si difende con le unghie e con i denti dall’attacco lagunare, il centrale veneziano passa al suo terzino destro che controlla male la palla per una frazione di secondo, poi la riprende e continua l’azione. Ma in quell’attimo fuggente tilt di Jack a cui parte “el bojo”, scatto impetuoso dall’altra parte del campo in un contropiede solitario senza guardarsi indietro…. Senza compagni…. Senza avversari…… senza sentire il coach che urla a squarciagola “ma dove cazzo vai?????”,…. ma soprattutto senza palla! Ovviamente Venezia che finisce il giro palla e goal dell’ala che doveva marcare il nostro Giacomino.

Corri, Forrest Jack, Corri!!! 5 punti legittimi!

 

“ANDRE” 3 punti: Vero e proprio outsider del Pampolio, il piccolo anatroccolo Andre è ormai diventato Crystal il cigno, con tanto di foto in primo piano nella presentazione del match!  Può essere una scommessa su cui puntare per il titolo di fine anno? Bagarini in tilt e lui intanto piazza subito 3 punti pesanti in classifica.

Momento cruciale del match, avversari a -2 con rigore a favore…. Coach Paxo butta nella mischia il portierone Andre, che ha quello sguardo lì; lo sguardo di Toldo mentre ipnotizza De Boer due volte negli Europei del 2000 (metà squadra doveva ancora nascere e l’altra metà gattonava), lo sguardo della zingara della Luna Nera che prevede il futuro, lo sguardo di uno che entra in campo e ipnotizza l’avversario con una gran parata! Come quando butti il gin buono nella tonica, o la benzina sul fuoco, Spider Andre va “on fire” e piazza altre parate importanti in una sorte di concentrazione mistica. E allora dove sta la pampoliata?

Beh in una di queste prodigiose parate la palla finisce sopra la rete e si mezza incastra lì, tutti la possono vedere tranne Andre che prima la cerca dietro il palo…. Poi dietro l’altro palo…. Poi dietro la porta…. Fallo un’altra volta….Pallaaaa dove sei??? Ti tocca ricontare fino al 20 caro portierone, Nascondino non fa per te!

 

“LOLLO” E “MATTEO” 1 punto: Cos’hanno in comune il nostro divo di Lollywood e l’irlandese permaloso? All’apparenza e conoscendoli piuttosto bene direi nulla, eppure in questa prima giornata riescono a prendere un punticino di fatto per lo stesso identico motivo!

Partiamo dal Mattorosso (non quello di Montebelluna) vera e propria star di queste pagine nonché vincitore del titolo nel 2020/2021: Mancano una ventina di secondi al termine del primo tempo, grossa parata del magro portierone e palla che finisce a qualche metro di distanza dalla porta. Matteone esulta, pugno in aria, un balletto, poi un caffè, meglio un thè zuccherato con due biscottini, partitina a scacchi, discussione sulla guerra del golfo e poi si ricorda di andare a prendere la palla che magari riusciamo a fare un ultimo tiro con pochissimi secondi sul cronometro!

Continuiamo con Lollo Pastafrollo (sarebbe un soprannome pazzesco) che, nel secondo tempo invece, riceve palla proprio dal portierone, Venezia in inferiorità numerica, Paese con tutti i giocatori in seconda fase pronti a spaccare la porta…. E Lollino che fa? Inizia a contare le mucche (pecore non le ha per ora), si ferma inizia a palleggiare e predica calma che non gli tornano bene i conti! Buona notte camomilollo!

Si dice che mister Allegri nel dopo partita abbia chiamato coach Paxo per avere i due giocatori alla Juve che rincarnano il suo credo, “Halma”!

 

MENZIONE SPECIALE a Tony, che riesce per la prima volta nella sua carriera da dirigente a non farsi ammonire! Ci sono dirigenti pacati, tranquilli, quasi annoiati dalle partite e più attenti al tempo, alle esclusioni per due minuti, agli infortuni degli atleti etc etc… e poi c’è lui, un concentrato di nervi pronti ad esplodere da un momento all’altro, un leone ferito in gabbia, si dice che la redbull abbia creato la bevanda energetica dal suo sudore! Chiamatelo GIN, GIN TONY!

Il Segretario Verbalizzante

Paolo Vendramin

#pallamanopaese

Premio Pampolio: 10a giornata di ritorno

Premio Pampolio: 10a giornata di ritorno

 

PAESE – TORRI

Decima giornata di ritorno

Inizia la serie di partita in casa con una supersfida contro il Torri e con loro arrivano i punti Pampolio tra le mura amiche, che ci sia qualche giocatore che esprime la sua attitudine al peggio nel proprio campo? Non ci resta che scoprirlo:

SAMU ROSSI PT 5: “il cecchino” Samu potrebbe tranquillamente finire al primo posto per non aver segnato nemmeno un goal nonostante fosse il cambio offensivo specialista in manovre d’attacco designato da quello stratega di coach Paxo per dare quel tocco di imprevedibilità… ma riesce a fare di meglio.

Samu infatti, che è cintura nera in bontà e ha superato tutte le prove scout riempiendo la camicia azzurra di Baden Powell (per i poco sapienti come Lollo e Zambo è il fondatore degli scout) di splendide targhette e distintivi di merito, decide di ampliare la sua collezione con un altro gesto di puro altruismo.

Siamo intorno al 15’ minuto, da qualche azione il compagno di vetro ”Pizzo il fragile” ha deciso di fare harakiri (ehhhh non posso spiegarvi tutto però, andate a cercarvi le parole che non conoscete) e il suo infortunio pare grave. Dolorante in panchina chiede il permesso per poter uscire dal campo e recarsi in infermeria, l’arbitro acconsente e a gioco fermo si procede a portar fuori il sacco di patate. L’infortunio è al ginocchio e serve qualcuno che lo aiuti ad attraversare il campo.

Dopo aver fatto attraversare la strada sulle strisce pedonali di tutto il comune agli ultraottantenni, il prode Samu non si fa scappare l’occasione, tira fuori il fazzolettone che porta sempre con se, si carica il peso piuma Pizzo e inizia la traversata del campo tra gli applausi del pubblico commosso.

L’arbitro quindi fa riprendere il gioco, palla a Paese che inizia il giro palla ma dopo pochi passaggi ci si accorge di essere uno in meno e nessuno aveva preso esclusioni…. Coach Paxo fa entrare immediatamente il primo Jack che capita, la panchina si guarda confusa e il mistero s’infittisce, chi manca? Eccolo lì dall’altra parte del campo che non sa bene dove andare, il nostro eroe Samu col suo sorrisone, che ha scortato Pizzo fino all’infermeria, coccolandolo e accarezzandolo, dimenticandosi che era in campo e lasciando in inferiorità temporanea il resto della squadra.

Una tacca in più sulla camicia scout e 5 punti Pampolio, bottino ricco per il buon Samuritano!

 

GIGIO PT 3 : Dopo aver passato l’autunno nella Contea di Hobbyville a far compagnia a Frodo e Sam, e il freddo inverno nella Terra di Mezzo alla ricerca dei suoi simili, il nano grigio abbreviato in Gigio decide di seguire il suo amico allenatore Paxo detto l’Orco per questa prima comparsata in campo in casa. Una simpatica reunion del signore degli anelli con un attento GandalfRemondin sugli spalti pronto a fare magie.

Il piccolo uomo col ghigno riesce subito a far valere la sua esperienza e ad entrare in classifica grazie ad un battibecco con l’arbitro. Con la sua vocina insopportabile infatti riesce ad infastidire chiedendo all’arbitro delle semplici delucidazioni di una scelta alquanto confusa. Risultato ovvio, due minuti di esclusione per il giocatore che dimostra come 30 anni di pallamano non sono serviti assolutamente a nulla per imparare l’arte del comunicare con i direttori di gara, parecchi santi che scendono dall’amico allenatore diventato improvvisamente nemico e ultimi 5 minuti di partita ancora più infuocati.

Da notare anche la promessa, o in questo caso meglio dire premessa, del buon Gigio che ad inizio gara aveva tranquillizzato l’ex compagno di mille battaglie Paxo dicendogli che sarebbe stato calmo e non avrebbe rimproverato nessuno, e che mai avrebbe avuto da ridire agli arbitri….. Nella botte piccola c’è il vino buono dicevano, qua ci sta la Tequila però! E ricordatevi, mai fidarsi del simpatico Gigio, anche se sembra un tipo alla nano…. Ehm pardon, alla mano!

 

 

PESCE PT 1 : Ma cosa può aver provocato l’ira del nano? L’episodio simbolo Pampolio della giornata avviene nel finale del secondo tempo, animi tesi come corde di violino e tensione alle stelle. Ecco che su un tiro in semipenetrazione di un giocatore del Torri il buon Pescione si ritrova per terra di schiena contro ogni legge della fisica e nessuno ricorda bene come compreso lui stesso. Parata straordineria come direbbe Sacchi da parte del nostro Matteone e palla che ovviamente finisce tra i piedi del nostro Pesce che, nonostante i corsi di Parkour e la sua proverbiale attitudine ai movimenti sprintosi, per un momento si trasforma in cimice rovesciato incapace di girarsi. La leggenda narra che in quel momento muoveva contemporaneamente braccia e gambe come un neonato agitato, ma sono scarse le testimonianze dell’accaduto in quanto tutti stavano guardando il Gigio protestare ed è anche per questo che il nostro Camomillo Mattia piglia solo un punticino… per questa volta

 

MENZIONE SPECIALE al Presidente Mario che finalmente torna a calcare le pagine del Pampolio. Dopo una stagione passata da vero protagonista, quest’anno si era un po’ defilato ma, per la gioia dei numerosi fans, eccolo tornare con una nuova impresa. Ebbene si, il Presidentissimo riesce a far interrompere la partita agli arbitri, invadere il campo proprio al centro, recuperare gli “ori” (dicasi “ori” tutti gli oggetti personali di valore o anche no degli atleti della Pallamano Paese) del crystalman Pizzo, salutare e tornare indietro per la stessa strada senza batter ciglio.

Tutto questo senza essere iscritto come dirigente e partendo direttamente dalla tribuna. Fermate il soldato Mario!

Il Segretario Verbalizzante

Paolo Vendramin

#pallamanopaese

Premio Pampolio: 2a giornata di andata

Premio Pampolio: 3a giornata di ritorno

 

VICENZA – PAESE

 Terza giornata di ritorno

Eccoci qui ad un’altra puntata, che vede la partita spostata prima da sabato a domenica, poi da Vicenza a Quinto Vicentino, infine da un’ora ad un’altra…. Tutto ciò per favorire una prova horror per il gioco ma buona per il Pampolio.

SAGGIORELLA 5 PUNTI : Inizia a prenderci gusto il buon Daniele a palesarsi al cospetto del sommo Pampolio, e porta sempre punti con giocate diverse e nuove, innovativa la nostra antilope.

Non tutti sanno della parentesi calcistica della Saggiorella che, dopo aver visto un video in tv dove Messi era un nano (tipo Gigio) che non sapeva troppo bene giocare a calcio ma credendoci e lavorando sodo è diventato il più forte al mondo, decide di abbandonare i progressi a pallamano per intraprendere una ricca carriera nel facile e poco competitivo mondo del calcio.

Poco importa se ha due ferri da stiro al posto dei piedi e ha una mancanza di armonia dei movimenti, il suo idolo Walt Disney diceva “se puoi sognarlo puoi farlo” e lui ogni notte è lì sul suo lettone a dominare la fascia di un campo di calcio con 80.000 spettatori che lo acclamano a crossare per Messi e Cr7! Poi si sveglia tutto sudato e ce lo ritroviamo in palestra carico e nervoso come una molla che prova a pigliare la porta da ogni posizione con modesti risultati.

Eccoci quindi a Vicenza forse in un momento di sogno ad occhi aperti, ecco proprio li vediamo tornare tutto il suo talento calcistico che lo porta in maniera così naturale a fare un ottimo stop di piede dopo una delle poche parate di capitan breso su un bolide vicentino. Respinta facile del portiere e grande stop di piattone della Saggiorella ad anticipare l’attaccante vicentino distante 5 metri, mancava solo il lancio in contropiede e faceva jackpot! Uno show che provoca più di qualche risata e all’esclusione per 2 minuti del “MESSI” di Paese, e al Pampolio di oggi sono 5 formidabili punti! Pensa, credi, sogna e osa piccolo Saggio!

PIZZO 3 PUNTI: Forse non dovrei dirvi che pizzo è il Batman di Paese (va bene Lollo ti faccio fare Robin e il bolide di Zambo è la batmobile tanto non credo la usi molto in sto periodo) ma ormai l’ho smascherato quindi tanto vale raccontarvi la seconda vita, quella oscura, di Batpizzo.

Va a caccia di criminali? Gioca d’azzardo? Si traveste da supereroe e spaventa le vecchiette? Forse fa anche questo ma in particolar modo BatPizzo durante le sue giornate in cui non è con noi a Pallamano con la scusa di studiare gira tutte le palestre per provare corsi. Già la sua passione per i corsi è il suo grande segreto, e così dopo aver provato spinning, braccio di ferro, yoga, pilates, guardarsi allo specchio e urlare fortissimo, workout, aerobica e zambozumba opta per qualcosa che non conosce dal nome figo che lo farà sicuramente felice: PUMP.

Batpizzo decide di fare una sessione a mille di Pump il giovedì, e i frutti si vedono la domenica in partita: immobile, le gambe che fanno “cheo cheo” ad ogni movimento, elevazione inesistente, muscoli che scoppiano acido lattico e il PUMPolio che ringrazia (Cacco ,Zambo, Simonetti l’avete capita?)

Meno male che, anche se Cremonini canta che nessuno vuole essere Lollorobin, lui c’è pronto a sostituire il più blasonato Batpizzo e a giocare la sua miglior partita! SUPEREROI

BRESO 3 PUNTI + 3 PUNTI (JOLLY): Il capitano ha un rapporto conflittuale con il palazzetto di Quinto Vicentino dove di consueto sfodera prestazioni poco esaltanti rispetto alla sua caratura pallamanistica internazionale. Tant’è che appena sente che la partita è spostata nel suo luogo tabù pensa bene di calare il jolly e arriva con la solita carica esplosiva che lo contraddistingue da sempre.

Nel complesso partita giocata malino come da previsione ma che non sembra portare grosse sciocchezze, finchè ad illuminare l’Olimpo del Pampolio arriva un tiro dalla grande, ma che dico, grandissima distanza che in onore del King Fabione (giocatore storico della Pallamano Paese) chiameremo tiro alla “Serbelloni” e qua chi sa sa e chi non sa non ha mai visto Fantozzi!

Lo spiovente dai 10 metri arriva centralmente, capitan Breso sfrutta tutta la sua nota agilità per inclinare il suo leggiadro corpo verso destra ma la mano sinistra non è propriamente d’accordo con tal movimento e decide di colpire la palla e violentemente spararla verso il proprio orecchio.

Il portierone già arrivato al palazzetto in uno status di confusione totale dovuto alle 30 ore lavorative consumate tra venerdì e sabato che ti viene quasi voglia di andar in miniera che è più leggero, entra con un autopallonata in testa nel magico mondo delle fate dove tra l’altro vivono da sempre Jack, Tommy e Pescione! Va anche a meritarsi il bonus procurandosi nella goffa parata un taglio nel lobo dell’orecchio di cui ovviamente non si accorge ma che non sfugge allo sguardo vigile di Samu detto anche occhio di lince.  Un esempio per tutti, da bravo capitano!

JACK P. 1 PUNTO : come dice sempre Zambo a Sivi mentre discutono in latino al bar Centrale di qualsiasi Paese basta che sia centrale, “Errare Humanum est, perseverare autem diabolicum”! Ecco il motto che per tutti può essere tradotto in “ commettere errori è umano, ma perseverare è diabolico” sembra tatuato nella scorza dura del buon Jack che incappa in una bruttissima giornata forse peggiore anche di quella di capitan Breso. Riesce così a prendere due volte esclusione di due minuti per lo stesso fallo commesso, ovvero tagliare la strada alla temibilissima ala sinistra vicentina mentre lentamente salta verso la porta. Altalena Jack d’altronde è così, prendere o lasciare!

PESCIONE 1 PUNTO: Partita sufficiente per il Pesciolone Yoghi paesano alla ricerca della forma migliore dopo un lungo letargo invernale fatto di merende e sonnellini con il suo amico Tommy detto Bubu. Diventa la vittima sacrificale di un serial killer presente in palestra e travestito da pivot vicentino a cui probabilmente non hanno spiegato il manuale della pallamano e del buonsenso che in una seconda fase veloce ma non troppo decide di stendere il povero Mattia con una mossa che neanche The Undertaker (uno dei più grandi wrestler di tutti i tempi) farebbe al suo più acerrimo nemico.

Il risultato porta inevitabilmente al cartellino rosso diretto al c……..e di turno (completate voi a piacimento non amo essere scurrile) , ad un volo spettacolare per pescione che neanche la Colombina di Venezia a Carnevale riesce a fare e, ciliegina sulla torta, al palmo della mano sinistra del terzino paesano che si gonfia come se fosse un guanto di Super Mario!  

MENZIONE SPECIALE a Lollo ovviamente, indicato men of the match a fine gara dalla commissione esterna ed elogiato dal coach avversario con un perentorio “davvero forte l’ala sinistra, gran bel giocatore da tenere d’occhio”. Chissà se avrebbe detto lo stesso vedendo le partite precedenti… ma come diceva la saggia nonna Ada, “Ciapa e porta casa”

Il Segretario Verbalizzante

Paolo Vendramin

#pallamanopaese

Premio Pampolio: 2a giornata di ritorno

Premio Pampolio: 2a giornata di ritorno

 

CELLINI PADOVA – PAESE

Seconda giornata di ritorno

 Ebbene si diamo i numeri; dopo ben 5 trasferte su 7 di qui 4 consecutive la Pallamano Paese decide di far entrare il Covid nella propria società come sponsor, senza allenarsi rinvia la partita in casa con Povegliano per rischio contagio fatale e si ritrova con qualche assenza ad (udite udite) affrontare un’altra trasferta per probabilmente il record di partite giocate fuori casa consecutivamente nella storia di questo sport! Ma passiamo alle cose serie:

ZAMBO PUNTI 10: A memoria una delle più grandi cagate mai viste e vissute in un campo di pallamano, tant’è che in via del tutto eccezionale i punti non sono 5 ma 10 anche se per molti addetti in sala stampa del Pampolio il premio è già nelle sue mani…. E a proposito di mani, chi è che ha una mano sana e l’altra no dopo Cellini? Vi giuro vorrei raccontarvi l’accaduto con enfasi, suspance e un po’ di romanzo ma non ci riesco, ogni volta che ci penso mi esce un brufolo acido dal nervoso.

Quindi ve la butto cosi, nuda e cruda come un qualsiasi programma di sopravvivenza su Dmax: Zambo si è fratturato la mano destra dando un pugno alla panchina. Punto. Contro i penultimi in classifica…. Sopra di qualche goal…. Zambo si frattura la mano destra dando un pugno alla panchina per il nervoso e finisce così la sua stagione, cosi de botto! Vorrei scrivere che il rapporto con l’arbitro non era proprio idilliaco e che la performance dei direttori di gara era “chiamiamola così” alquanto confusa (vedere sezione su Luca Cacco qui sotto); vorrei potervi dire che l’esclusione di due muniti ricevuti da “NICOLA flagello di Dio” potevano anche non esserci, che l’ala destra avversaria non era propriamente coordinata al momento della chiusura di ZAMBO RAMBO, vorrei con tutto il cuore dirvi che qualsiasi atleta avrebbe fatto lo stesso ma non è così. Uniamo le mani (per chi le ha intere) e facciamo una preghierina insieme affinché il demone che vive dentro al nostro irascibile compagno possa abbandonarlo e fargli così vivere una vita serena ,senza traumi, alla “Lollo” insomma! Memorabile anche il post partita con gita di squadra (dopo la pizzata sia chiaro) in quel di Castelfranco per portare mani d’acciaio in ospedale, ma qua diventa lunga da raccontare! Qua la mano Zambo, batti cinque!  

TOMMY PUNTI 3: Tommy detto Casper per il suo colorito chiaro ma soprattutto per la sua capacità di sparire in campo e non farsi notare dai suoi compagni non commette chissà quali errori durante la partita. O forse si, ma il suo potere speciale dell’invisibilità è talmente sviluppato che nessuno lo riesce a beccare in fragrante. E nel dopopartita che diventa protagonista assoluto, quando il compare Samu decide di andare a prendere le ragazze (tra cui la presunta “morosa” del buon tommy) per la suggestiva gita a Castelfranco e lui, l’impavido pivot paesano, decide di finire con calma la cena per poi montare in furgone con i rimasugli del team e Manona Zambo. Il rude Tommy, l’uomo che non deve chiedere mai, rincara la dose sedendosi distante al bar dalla fanciulla desiderosa di affetto, e conclude rimontando in furgone per il ritorno abbandonandola al suo destino. Prima di scendere dal furgone due sono i quesiti posti dal capospedizione alias il sottoscritto: la prima domanda chiedeva se andava tutto bene con la sua dolce metà, se avevano litigato bla bla bla. Risposta che De Niro spostati proprio: Va bene così, nessun problema e sorrisino malizioso. La seconda domanda riguardava invece il borsone che non era in furgone….già dov’era il borsone di Tommy? La risposta è quasi scontata, in macchina di Samu ovviamente, a far compagnia alla morosa! Idolo

SAMU ROSSI PUNTI 1: Il metronomo della squadra, colui che detta i tempi, il Jorginho paesano per intenderci…. Quello che non spicca per velocità o per doti balistiche, ma quello che dà ordine e sicurezza! Samu l’affidabile a Padova, probabilmente contagiato dal demone di Zambo, perde ogni certezza del suo essere e in 2 minuti di partita riesce a farsi intercettare il pallone, tra cui uno a due mani, dai temibili ma non troppo avversari padovani che volano in contropiede. Si lo so sembra una cosa da poco conto, ma è come se Cannavaro al Mondiale del 2006 avesse perso un contrasto, o come se l’italrugby vincesse una partita con la Francia, o come se la Diletta Leotta uscisse con Lollo….. Ok forse esempi esagerati, rimaniamo in casa nostra, dove ci sono delle certezze: Jack che sbaglia un rigore, Cavallin che sbaglia il contropiede, Cacco che non la passa la palla al pivot, Bibita che fa volare qualche avversario, Lollo che sorride, Pizzo che è senza fiato dopo 10 minuti, Gigio che ferma l’allenamento per spiegare invano delle cose a qualcuno, etc etc…. Ecco, la vita è fatta da certezze, una delle quali era che Samu è affidabile e non perde mai la palla…. Da oggi non più, il pampolio ringrazia, coach Paxo un po’ meno!

LUCA CACCO PUNTI 1: il nostro “cecchino” capace di far venire mal di pancia al portiere avversario da quante volte lo centra (che sia colpa sua la menzione speciale?) partecipa senza volerlo ad una delle scene più comiche del panorama pallamanistico italiano. Partita iniziata da mezzo minuto, Paese recupera la palla in difesa e riparte veloce con Zambo che punta dritto alla porta avversaria. Accanto a lui si precipita il fido scudiero Cacco pronto a dar sostegno, un po’ come Barone fece con Pippo Inzaghi nell’ormai lontano 2006, e come allora ZamboInzaghi decide di proseguire dritto senza troppo badare alla treccina bionda paesana. Ma ecco spuntare un valoroso difensore lanciere padovano che si getta di peso sul malcapitato Zambo; placcaggio che va a buon fine e giocatore paesano che viene scaraventato proprio addosso al prode Cacco che era lì pronto a dar na mano come Sancho Panza con Don Chisciotte. Arriva quindi il deciso fischio del direttore di gara di cui non faremo il nome perché non lo sappiamo proprio, si avvicina di scatto ai 3 giocatori e con aria minacciosa dà i due minuti di esclusione a…. Luchino Cacco!!!!! Tra lo stupore, sconforto e le grasse risate dei presenti, faccio notare all’illustre direttore di gara che siamo in una palestra, che sta arbitrando e che essendo in attacco facciamo fatica a farci fallo da soli, lui con sguardo assente si scusa confidando che non ha una bella giornata (ma va???), ritira l’esclusione al nostro giocatore ma poi non ricordandosi più a chi avrebbe dovuto darli opta per “finta da pomi” e fa proseguire l’incontro! Arbitro confuso e un punticino a Luchino che passava di là, al posto giusto al momento giusto (per il Pampolio ovviamente)!

MENZIONE SPECIALE al portiere avversario, autore di una grande partita che purtroppo per lui nessuno ricorderà. Già perché entra nei nostri cuori e di tutti i presenti per una fuga a chiappe strette dopo aver implorato il proprio allenatore di chiamare il time out, con nessuno delle due squadre che ha niente da dirsi, arbitri che aspettano invano a centrocampo il ritorno del portier prodigo ma lui non torna….. e ce lo immaginiamo lì, seduto sulla tazza a scaricare la tensione, e il resto fottesega! Mitico

Il Segretario Verbalizzante

Paolo Vendramin

#pallamanopaese